Pecorina Bike

Complimenti a LR Bike per l’ideazione di un percorso veramente ben fatto, sapiente ricucitura dei più bei passaggi della zona, per un giro di 30 Km con 750 metri di dislivello cumulato. C’è di tutto, il single track nel bosco, belle salite ripide ripide e discese a capofitto, l’ideale per gli allenamenti infrasettimanali, forse un po’ azzardato come percorso cicloturistico.

sagra_della_pecoraSe ce ne fosse bisogno, sgomberiamo subito il campo da equivoci, la Pecorina Bike non è una produzione a luci rosse con virtuosismi in bicicletta, è la prima edizione di una manifestazione sportiva non agonistica, organizzata dalla Pro Loco di Castelchiodato in collaborazione con l’ A.S.D. “Pedala che ti Passa” di Mentana e LR BIKE di Lorenzo Bonsignori.

La pedalata in mountain bike si è svolta domenica 29 giugno scorso, contestualmente alla sagra della pecora di Castelchodato, da qui il nome un po’ equivoco, buona o cattiva trovata comunicativa, non è facile dirlo, la cosa certa è che il percorso è veramente molto bello e divertente, anche se, forse, un po’ troppo impegnativo come itinerario cicloturistico.

Lo devo ammettere, la mia naturale avversione per gli assembramenti numerosi non mi ha fatto prender parte all’evento, ma, con tutta calma, ho voluto verificare personalmente il tracciato, alla ricerca di pieghe del territorio ancora a me sconosciute.

Sono rimasto stupito, non tanto per la scoperto di nuovi percorsi, quanto per la sapienza con cui sono stati connessi tutti i più bei passaggi della zona. Il lunghissimo single-track nel bosco di Gattaceca, consente di cogliere la varietà di ambienti offerti dal bosco… dalla corsa veloce tra gli alberi del primo tratto pianeggiante, agli stretti sentieri che si inerpicano serpeggiando tra gli alberi della parte collinare, alle discese tecniche tra sassi esposti del finale. Pecorina BikeUscendo dal bosco, il tratto cross country, sulle veloci carrarecce attraverso campi coltivati; i lunghi sentieri a tunnel che si immergono nel folto della vegetazione; ben tre discese a capofitto con sassi, roccia esposta e i segni dei canali di raccolta dell’acqua meteorica.

Nulla di esasperato per chi ha una discreta preparazione fisica ed esperienza di guida in fuoristrada, un’ottima palestra per quelli che si accostano alla pratica della mountain bike, un valido percorso di allenamento per le uscite infrasettimanali, per chi avesse qualche dubbio su che strada seguire.

Non resta che sperare nella seconda edizione, perché l’anno prossimo vorrei esserci anche io.

Un ringraziamento ad Orso Tranquillo per aver messo a disposizione la traccia. 

Facebook Comments
Condividi:
Share