Cervaro enduro

Trail Vallevecchia, enduro senza compromessi, unica salita e unica discesa, in un ambiente naturale di grande bellezza, selvaggio e inospitale, insidioso e affascinante.

Partenza da Cervaro, si procede su una serie di rampe in salita, prima su asfalto, poi su una carrareccia dissestata, giungendo sulla vetta del monte Ischiaturo, primo contrafforte lato est della piana di Cassino. 

La traccia del percorso

La dura salita è inframmezzata da splendidi scorci panoramici sulla valle, la storica Abbazia appollaiata sul colle che domina l’abitato sottostante richiama alla memoria i cruenti scontri tra occupanti e truppe alleate nel secondo dopoguerra, dei quali però, la passione di un popolo ferito ed orgoglioso ha cancellato ogni traccia, confinando qualche pezzo di artiglieria arrugginito in sporadici giardinetti alla memoria.

Giunti sulla cima brulla scorgiamo una grossa poiana, forse un’aquila, esibirsi in manovre di caccia, volo planato in alta quota e poi la picchiata, veloce e netta come un colpo di rasoio. Procedendo su un sentiero appena accennato tra vegetazione bassa e fitta che profuma di origano e menta selvatica, si giunge alla pineta, che con i suoi alberi maestosi ricopre il versante settentrionale della montagna.

Immagini dei luoghi

Cervaro Enduro

E’ il momento di indossare le protezioni, foto di gruppo insieme alle valenti guide, Edoardo e gli altri ragazzi di Cervaro Enduro e Claudio Nonno, organizzatore dell’uscita e nostro nume tutelare. Poi inizia la discesa, sfiancante ma molto divertente ed emozionante. Una discesa che sicuramente risponde alle caratteristiche dell’enduro, passaggi molto tecnici su roccia esposta, pietraia e radici, con pendenze a tratti veramente da brivido, si alternano a tratti flow, con curve in appoggio su fondo terroso che scivolano sinuose tra gli alberi. E non mancano neanche i rilanci, con salite brevi ma molto ripide.

Una discesa che impegna dall’inizio alla fine, sfiancante anche più della salita, ma che resta nel cuore, tra le cose belle da rifare.

La discesa nei boschi sotto la pioggia 

La versione del Principe

Facebook Comments
Condividi:
Share