Nella Valle dell’Inferno

La Certosa di Trisulti, edificata nel 1204 per volere di Papa Innocenzo III, amante di questi luoghi solitari per il raccoglimento e la preghiera, è nota al mondo come prezioso scrigno di antichi saperi. Le imponenti mura dell’Abbazia conservano intatta la biblioteca e l’antichissima farmacia, nella quale i Cistercensi, utilizzando erbe officinali coltivate in loco o colte nei monti circostanti, realizzavano i primi preparati farmaceutici.

Una magnifica location per un giro fuori dal tempo.

Sui sentieri rubati alla roccia dal sapiente e faticoso lavoro di scalpello, con la vista annebbiata dalla fatica, ci è sembrato di veder avanzare i monaci, curvi e lenti, intenti a frugare tra i rovi alla ricerca delle preziose piante o fermi a contemplar la valle.

Immagine1 091

Per sperimentare appieno la bellezza dei luoghi l’itinerario parte da Civita, un paesino affacciato sopra la Valle dei Santi, e procede costeggiando lo scenografico vallone fluviale scavato dal torrente Fiume, con vista privilegiata sull’Abbazia e sui sovrastanti monti Rotonaria e Monna.

Immagine1 002

Saliamo subito ripidamente per il sentiero 612 che ci porterà allo Stazzo di Cerreto

Immagine1 005

…forse un po’ troppo rapidamente

Immagine1 008

ma lo spingismo è veramente pochissima roba, il sentiero per il resto è tutto pedalabile e con pendenze molto tranquille.

Immagine1 014

Durante la salita incrociamo piante secolari che sembrano quasi dei monumenti…

 

RIMG0940

arrivati a Colle Fontana c’è anche uno stupendo terrazzo sulla valle sottostante, dove una sosta è veramente d’obbligo…

Immagine1 026

mentre dallo Stazzo di Cerreto si intravede il crinale più bello degli Ernici, ovvero Ginepro, Brecciaro, Passeggio e Deta…

RIMG0959

dall’altra parte, invece, i contrafforti rocciosi e strapiombanti del Monte Peccia, ed è proprio da la che dovremo passare tra un po’.

Immagine1 031

Prendiamo così per Capo Fiume e sempre su forestale raggiungiamo in breve tempo il bivio, superato il quale lo scenario cambia radicalmente. Lo stradone lascia il posto al sentiero ed entriamo nella Valle dell’Inferno… uno dei posti più suggestivi e belli mai visti finora.

RIMG0964

In un primo momento il sentiero non c’è, bisogna andare a naso, ma poi come per magia ricompare davanti alle nostre ruote e il single track è superlativo e quasi tutto pedalabile, eccetto alcuni piccoli punti da fare a piedi, anche per il terreno bagnato.

RIMG0967

Enrico è su di giri perché è veramente una goduria pedalare su un simile tappeto di foglie soffici…

Immagine1 035

e in un bosco che sebbene in versione invernale riesce ancora a regalarci forti emozioni.

RIMG0975

Uno strappo duro da fare rigorosamente bici in spalla…

RIMG0973

ci fa ritornare sul sentiero 612 che avevamo lasciato a Cerreto e conducendoci al rifugio di Pietra Acquara…

RIMG0987

dove una sosta è assolutamente necessaria, per rinfrancar le membra e fare rifornimento d’acqua.

Immagine1 059

Riprendiamo la pedalata percorrendo il sentiero 609 e qui viene la parte più spettacolare del giro, il Monte Peccia, bellezza selvaggia e e trail scolpiti nella roccia, senso di isolamento, balconi e strapiombi sulla Valle dell’Inferno, insomma il meglio del meglio per gli amanti del genere wild

RIMG0996

La prima parte è ancora stradone ma poi, arrivati al fosso della Portella di stradoni non ve ne è più traccia, solo sentiero fino alla Certosa e che sentiero…

Immagine1 062

Stupisce il fatto che sebbene poco frequentato il sentiero è molto pulito e, con una buona gamba, in gran parte si riesce anche a pedalare.

Immagine1 066

Tuttavia lo spingismo non manca e che spingismo, veramente duro, come si suol dire, breve ma intenso…

Immagine1 070

ma quando si tratta di esplorare posti simili, ben venga lo spingismo.

Immagine1 076

Arriviamo così al valico, proprio sotto il monte Peccia e finalmente possiamo avere un antipasto di quello che sarà la discesa finale.

RIMG0998

Il sentiero è veramente da antologia, anche se il primo tratto è molto ostico a causa dell’esposizione, poi diventa più umano…

RIMG1001

e sopratutto molto panoramico…

Immagine1 101

ma anche molto vallonato, con un lungo tratto che alterna strappi a piccole discesine, che quando uno ha già abbastanza dislivello sulle gambe risultano alquanto dure.

Immagine1 095

Svalichiamo sopra il rifugio Cavallo con un ultimo spingismo molto duro…

RIMG1012

e scopriamo anche perché si chiama rifugio Cavallo.

RIMG1016

Finalmente comincia la discesa, con un solo denominatore, roccia e soltanto roccia…

Immagine1 104

Più che la valle dell’Inferno, a noi amati dell’All-Mountain queste sembrano le porte del paradiso…

Immagine1 106

Immagine1 107

e dopo aver superato il rifugio con l’omonimo fosso del Cavallo, il crinale, da sogno…

Immagine1 108

RIMG1023

Il sentiero alterna bei ripidoni, tratti scassatissimi e qualche gradone, ed in un punto bisogna anche scendere di sella, almeno noi.

Poi il sentiero si ricollega al classico 608 che scende giù dalla Monna, poco sopra il Vado di Porca, dove è sempre obbligatorio fermarsi per ammirare la Certosa.

RIMG1036

Da li in po è goduria pura, fino alla Certosa un vero natural bike park con gradoni a iosa e parti trialistiche, per gli amanti del genere un vero must…

RIMG1041

e appagati e soddisfatti sbuchiamo alla Certosa, dove una visita è assolutamente d’obbligo…

Immagine1 116

Lasciando le bici all’ingresso però !

RIMG1061

La gallery fotografica

Certosa di Trisulti

Il video della discesa

Facebook Comments