A Tavernerio trionfano Suding, Marcellini e…

Da appassionati del cicloescursionismo All Mountain e della MTB in generale, seguiamo anche gli eventi agonistici correlati, e non poteva mancare il campionato italiano assoluto enduro che si è svolto a Tavernerio (CO) il 23 aprile, dove venivano incoronati campioni italiani Lorenzo Suding e Alia Marcellini a cui vanno ovviamente i nostri complimenti.

Quello che però vorremmo evidenziare è il signor nessuno, anzi in questo caso la “signora” visto che parliamo di una ragazza di appena 17 anni, una ragazza che conosciamo bene perché è delle nostre parti, ed esattamente di Vetralla in provincia di Viterbo. Parliamo di Arianna Ingegneri che è ben nota nell’ambiente XC e Ciclocross con il suo team PRD Sport Factory, ma che per passione si sta cimentando anche nell’enduro.

Cosa c’è di strano… Nulla se non fosse che ha corso con una bici da 26 pollici che pesava solo 16 kg

provando le speciali solo per un giorno e pedalandole tutte con l’aiuto del suo allenatore e maestro Paolo Liberati. 

Paolo Liberati – Shot Kyashan Yosa Buson del gruppo Movimentocentrale

Grazie al supporto del suo team e all’aiuto per la parte sospensioni dal Centro Andreani BiciDaMontagna.com di Viterbo, l’insieme di tutto questo, ma soprattutto la sua dedizione e la sua bravura, l’hanno vista piazzarsi al 7° posto assoluto della categoria femminile, posizione di tutto rispetto viste la difficoltà delle prove speciale e dei trasferimenti. Peccato non vederle la meritata maglia di campionessa italiana addosso, visto che era l’unica della sua categoria, mentre chi le stava dietro di altra categoria la indossava (non che non l’abbia meritata).

Unica laziale in gara lontano da casa in un campionato italiano che, viste le provenienze dei team, sembrava più il campionato nord Italia. Arianna ha fatto una prestazione eccezionale e seguiremo in futuro le sue prestazioni, specialmente il mese prossimo quando si svolgerà il campionato regionale Lazio a Civitavecchia… Brava Arianna! Ci rivedremo presto sui campi di gara.

Facebook Comments
Condividi:
Share