Di Cresta in Cresta dal Sebastiani a Leonessa

Itinerario all-mountain non particolarmente impegnativo a livello tecnico ma decisamente appagante per la bellezza dei luoghi e dei panorami. Assolutamente da non perdere per gli amanti della montagna vera, per godere del meglio che il gruppo del Terminillo può offrire, con il valore aggiunto dei magnifici passaggi in cresta e del senso di libertà che si prova viaggiando sulla linea sottile che divide il cielo dalla terra.  

Lasciata un’auto a Leonessa, piccolo paesino posto sul versante settentrionale del Monte Terminillo

RIMG3939

con le altre ci siamo diretti verso il rifugio Sebastiani ma  arrivati sotto lo Jaccio Crudele veniamo accolti dal gelido abbraccio del generale inverno, che da queste parti non ha ancora levato le tende.

IMG_3243

Ma non tutti i mali vengono per nuocere, parcheggiate le auto all’imbocco del sentiero che sale a Sella Iacci, possiamo subito ammirare lo spettacolo del Terminillo visto dalla parte più bella, ditemi voi se non sembra un paesaggio alpino questo.

RIMG3945

Inforcate le bici procediamo su asfalto fino al Rifugio Sebastiani, durante la salita incontriamo il chirurgo Vence che appena uscito dalla sala operatoria deve ancora togliersi la mascherina… ahahah

IMG_3245

La giornata è stupenda e non tira un filo di vento, ideale per l’alta montagna e soprattutto per le creste, intanto noi pedalando in scioltezza ci rifacciamo gli occhi con la vista delle Scangive.

IMG_3246

Passata Sella di Leonessa e prima di ridiscendere al Rifugio Sebastiani allo scollinamento prendiamo il 405 per la sella di Pratorecchia

RIMG3962

dove, una volta arrivati, la vista diventa a 360° col Terminillo, Terminilletto e Terminilluccio da una parte

RIMG3971

ed Elefante, Brecciaro e Ritornello dall’altra

RIMG3978

e, dulcis ma non in fundo, la Cima di Pratorecchia.

IMG_3275

Breve discesa per andare ad incrociare il 440 seguendo il sentiero

RIMG3983

ma ci sono anche gli indisciplinati che non sanno resistere al gusto del freeride

IMG_3273

e qui la prima chicca di giornata: il single track che passa sotto lo Jaccio Crudele e arriva a Sella Iacci, è uno di quei sentieri da fare assolutamente almeno una volta nella vita, stupendo veramente

IMG_3282

lo taglia a mezza costa come una lama nel burro…

IMG_3290

bellissimo, poi il contrasto tra la roccia sopra le nostre teste

RIMG4018

e il verde quasi accecante della Valle Scura dall’altra parte.

IMG_3297

Il tratto è vallonato e in alcuni punti richiede un po’ di equilibro, data l’esigua larghezza, qui Enrico con l’Elefante sulle spalle ce la farà a non scender di sella ? ahahah

IMG_3307

Piccolo tratto di spingismo

IMG_3312

e siamo a Sella Iacci, dove incontriamo lo stradone che proviene dal luogo in cui abbiamo parcheggiato le auto, non potevamo salire da qui ? Assolutamente no questo single track da solo vale un terzo del giro.

Da Sella Iacci risaliamo sulla carrareccia del 428, che passando davanti alla palestra di roccia Enzo Diletti, ci porta verso la falesia del Buco del Merlo

IMG_3335

da dove si scorge la prima vetta di giornata, il Monte I Porcini che dovremo raggiungere con un po’ di sano spingismo.

IMG_3342

Ma pensa te, tutta questa fatica e poi c’era anche la strada per salire, visto che sono saliti anche in moto, a saperlo venivamo su in auto! ahahah

RIMG4109

Da I Porcini non c’è sentiero che scende giù ma di fronte ad una cresta del genere non sappiamo resistere e ci buttiamo a capofitto, scendere per creste è forse l’aspetto più bello che induce a salire in cima ad una montagna in mountain bike

IMG_3384

Letteralmente planando sopra il 440 lo seguiamo fino a Colle delle Pozze

IMG_3419

da dove bisogna armarsi di pazienza e calma perché la scalata finale al Monte di Cambio non è uno scherzo, sono 150 mt di dislivello verticale e per giunta dritto per dritto, meglio non guardare su, procedendo a testa bassa, sennò si viene presi dallo sconforto, ma alla fine il gusto di arrivare sopra i 2000 mt cancella ogni fatica, vetta conquistata!

RIMG4173

e il premio è questo

IMG_3433

ed anche questo, la cresta superlativa che scende alla Sella di Cambio…

IMG_3442

anche se l’ultimo pezzo risulta particolarmente ostico per il fondo molto smosso e ripido e per scendere restando in sella è meglio immaginare di avere gli sci ai piedi più che di guidare una bike.

IMG_3467

Atterrati dal Cambio al Prato delle Fontanelle

IMG_3472

ci aspetta una lunghissima cavalcata, prima sulla cresta di Costa d’Acera tramite il sentiero 404

RIMG4180

poi, dopo un durissimo spingismo di 100 mt di dislivello,

IMG_3486

si vola sulla cresta di Prato Pecoraro

IMG_3510

IMG_3515

Da qui abbiamo la malaugurata idea di proseguire dritti seguendo la cresta, invece di scendere a sinistra al Laghetto della Croce (o della Guardia) e il risultato è mezz’ora di smacchio prima di ritrovare la retta via, ovvero lo stradone che sale a Monte La Croce o Colle Collato, tenetene conto se scaricate la traccia.

RIMG4202

Le fatiche sono finite, ora ci aspetta la chicca finale, ovvero il sentiero 404 che da Monte la Croce scende a Leonessa. Per gli abitanti di Leonessa è un itinerario storico con valenza religiosa fortissima, è infatti sulla cima di questa montagna che sovrasta Leonessa che San Giuseppe da Leonessa nel 1608 piantò una croce di legno. 

RIMG4216

In quel luogo, nel 1737, i devoti eressero una piccola chiesa con annesso un angusto ospizio per i pellegrini, più volte ampliato.

L’impervia mulattiera che conduce alla cima è costellata di sette edicole (1846), una delle quali eretta nei pressi dello “Scoglio di San Giuseppe”, la roccia da dove il Santo fece sgorgare una sorgente d’acqua per dissetare il suo compagno Fra Gregorio.

RIMG4213

Tuttora la prima domenica di luglio nel piccolo santuario si svolge una festa in onore del Santo.

E allora non ci resta che inforcare le bici e buttarci giù col Santo e il Monte Tilia a fare buona guardia…

IMG_3521

Dopo una prima parte con passaggi molto tecnici, questo sentiero di fede e di tornanti (per i profani è il sentiero dei 30 tornanti), diventa un superflow dove poter mollare i freni per derapare da un tornante all’altro, un vero spasso…

La clip video, compendio di creste e discese

Gallery fotografica in HD

Sebastiani - Leonessa

Facebook Comments