venerdì, Febbraio 23, 2024

Questo sabato ho voluto cimentarmi con un vecchio itinerario, raggiungendo il bosco di Civitella San Paolo, che qualche anno fa era diventato impraticabile per la caduta di numerosi alberi. Con mio grande stupore ho trovato tutti i sentieri liberi ed in ottime condizioni, e mi sono proprio divertito.
L’itinerario non manca di qualche suggestivo scorcio panoramico, e comprende tre discese, non tanto lunghe per la verità, ma l’ultima è veramente godibile, con prevalenza flow e qualche passaggetto tecnico, si addentra nel bosco serpeggiando tra maestose querce secolari. 

Powered by Wikiloc

L’asfalto non manca, ve lo dico, sebbene optando sempre per strade poco trafficate, i primi 20 km sono di bitume, ma considerando lo stato pietoso in cui versa ormai gran parte della rete stradale italiana, la sensazione di guida si avvicina molto all’enduro. 

IMG_20231021_104626

Il trasferimento da Mentana è quasi tutto in discesa, e in un batter d’occhio si raggiunge Fiano Romano, con il suo centro storico in splendida forma.

La sua posizione strategica nell’hinterland romano, infatti, ne fa una realtà economicamente abbastanza dinamica, sede di numerose realtà manifatturiere, commerciali e della logistica.

IMG_20231021_104804

A conferma dei buoni risultati economici, il numero di residenti è in costante crescita. Erano 6.300 all’inizio degli anni ’90, poco meno di 8mila dieci anni dopo, 13mila nel 2011, per giungere ai 16.237 residenti registrati in anagrafe all’inizio del 2023. 

IMG_20231021_104937

Peraltro, l’amministrazione comunale è anche abbastanza dinamica, con all’attivo impegnativi progetti di rigenerazione urbana e riqualificazione del territorio, vantando, tra l’altro, una rete di piste ciclabili davvero ben concepita. 

IMG_20231021_111439

Lasciandomi la piazza del paese alle spalle, mi dirigo verso il bosco di Civitella San Paolo, percorrendo una strada sempre più stretta, fino a diventare un sentiero in salita, a tratti un po’ chiuso dalla vegetazione, ma si passa facilmente, non ci sono rovi spinosi a ferire braccia e gambe.

IMG_20231021_111900

Con un po’ di fatica si guadagna l’ingresso nel bosco, siamo giunti nel Parco Naturale Comunale “La Corona Sant’Andrea”. Il toponimo “Corona” deriva dalle querce secolari presenti nella zona, anticamente disposte a corona attorno al centro abitato di Civitella, con la funzione di proteggere il paese dall’epidemia di peste che imperversò nella zona sul finire del 1300.

IMG_20231021_112421

Il bosco si estende su una superficie di circa 149 ettari, su conglomerati argillosi che degradano con pendenze più o meno accentuate in tutte le direzioni, ma soprattutto verso la valle del Tevere, il versante sul quale sono situati i trail che andremo a percorrere.

IMG_20231021_120321

Dopo un po’ di sali e scendi inizia la prima discesa, non troppo ripida, e con qualche divertente passaggio su roccia fissa.

IMG_20231021_121922

Sporadici vuoti tra la vegetazione regalano suggestivi scorci panoramici sulla valle del Tevere e le montagne circostanti.

IMG_20231021_122105

C’è anche un punto panoramico per una piacevole pausa contemplativa.

IMG_20231021_122437

Rifocillato lo spirito si riprende il cammino, affrontando una seconda discesa con fondo un po’ smosso, ma nulla di estremo.

IMG_20231021_130346

La terza discesa è la più bella, si addentra nel bosco serpeggiando tra magnifiche alberature. Il sentiero è guidato, con curve leggermente spondate, che, volendo, possono supportare uno stile di guida un po’ più aggressivo. A completare il quadro, un paio di ripidi e qualche passaggio su roccia a gradoni, rendono il riding un po’ più pepato.

Album fotografico

IMG_20231021_130346
Please follow and like us:
Pin Share