venerdì, Febbraio 23, 2024
BCMonti Lucretili

Il Giro delle Città Fantasma 2016

L’itinerario restituisce una immagine inedita e assai suggestiva dei luoghi e delle genti che in epoche remote popolavano i primi rilievi montuosi della Sabina. Conduce alla scoperta di una storia minore, che spesso si intreccia con quella di Roma, la Città Eterna, la capitale del mondo antico e della cristianità, ma che in alcune fasi assunse dignità autonoma, affermando una nuova strutturazione multipolare del territorio, nella quale i borghi arroccati dell’entroterra collinare divennero importanti centri di potere.

Percorrendo in bici antichi tracciati viari, completamente immersi in una natura rigogliosa e incontaminata, visiteremo i resti di tre piccole città fortificate incastonate in un paesaggio di grande impatto emotivo. Un viaggio tra storia e natura che tuttavia non sacrifica il piacere della guida in fuoristrada, offrendo numerose occasioni per cimentarsi con passaggi tecnici più impegnativo e lunghe discese su fondo mediamente smosso.   

Cenni storici

Per effetto del progressivo sfaldamento dell’Impero Carolingio e le frequenti incursioni arabe e saracene nei centri costieri, tra il IX e X secolo personalità del mondo ecclesiastico e signori locali avviarono un radicale processo di riorganizzazione politica ed economica dei territori, usurpando le prerogative del potere regio e feudale, per affermare nuove signorie territoriali (dominatus loci), nelle quali il castello diveniva il centro di potere ed elemento di difesa e aggregazione di piccole comunità agricole ad elevato livello di autonomia. 

E’ la fase dell’Incastellamento, termine che deriva dal latino castellum o castrum, ad indicare un accampamento militare temporaneo, ma che nel Medioevo assunse carattere permanente, dando origine a piccoli nuclei fortificati eretti dal signore locale (il dominus o castellano), per proteggere e delimitare i propri possedimenti.

Tra il IX ed il X secolo si consolidò e si diffuse un modello organizzativo comunemente denominato signoria di banno da bannalità che erano le prestazioni che il castellano imponeva ai contadini delle sue terre. Forte del potere militare, il signore si impose come autorità di comando, esercitando il potere di “obbligare, vietare, giudicare e punire“. 

I nuovi nuclei insediativi venivano realizzati in posizione dominante e ben difendibile, spesso intervenendo su edifici preesistenti per dotarli di cinta muraria e torri di difesa. Al suo interno la struttura era composta da una pars dominica, nella quale viveva il signore, e dalla pars massaricia, nella quale vivevano e lavoravano le famiglie contadine, assegnatarie dei poderi (mansi).

Questo giro conduce all’esplorazione di alcune delle più suggestive testimonianze di un mondo ormai scomparso, tre magnifiche città ormai da secoli disabitate, nelle quali però l’occhio attento dell’appassionato riesce ancora oggi ad identificare le tracce e l’organizzazione della vita di un tempo.

Conoscenza del territorio e dei sapori locali

Non un semplice giro in bici, questa è una esperienza a tutto campo, in grado di coniugare il divertimento della guida in fuoristrada, al piacere di una completa immersione in paesaggi incantati sospesi nel tempo e l’approdo ideale per completare un percorso di conoscenza intima del territorio sabino non può che essere una tavola imbandita in maniera appropriata. Per questo abbiamo scelto una locanda dove poter gustare piatti tradizionali preparati con prodotti locali selezionati da chi ha fatto della qualità e della genuinità una ragione di vita.    

Link evento Facebook
Il tour in 3D del giro completo

Il racconto dell’evento (3 luglio 2016)
Please follow and like us:
Pin Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *